conferenza gratuita

Viaggio nell’interiorità umana, le mappe della Psicosintesi

Allenarsi per una scelta sempre più consapevole del proprio agire

Mercoledì 5 Giugno

ore 21

Roberto Assagioli definisce la Psicosintesi un metodo pratico di auto-formazione e realizzazione psico-spirituale.
Da ciò emerge l’atteggiamento pragmatico di Assagioli ed il suo desiderio di circondarsi non di pazienti e adepti alle sue dipendenze bensì di psicosintetisti alla pari con lui, autonomi nell’attuare la Psicosintesi su di sé e diffonderla nel mondo.

Questo metodo è per tutti coloro che non vogliono accettare di restare schiavi dei loro fantasmi interiori e degli influssi esterni, di subire passivamente il gioco delle forze psicologiche che si svolgono in loro ma vogliono diventare padroni del loro regno interiore.

Quello che propongono Assagioli e i suoi allievi, quando nel 1974 fondano l’Istituto di Psicosintesi, è un insieme di metodi ed esercizi per allenarsi concretamente (nel laboratorio che è sempre con noi, ossia la nostra personalità) al fine di praticare nella nostra vita quotidiana, atti di volontà al servizio della nostra parte più autentica, invece che reazioni inconsapevoli.

“Ognuno può e deve fare del materiale vivente della propria personalità, non importa se marmo argilla o oro, un oggetto di bellezza, attraverso cui possa manifestarsi adeguatamente il proprio Sè transpersonale” (l’Anima)”
scrive ancora Assagioli nel suo libretto I tipi umani

Per esplorare la psiche umana senza ‘perdersi’, in Psicosintesi si usano due mappe, una rappresenta la struttura della psiche (il grafico dell’ovoide), l’altra il suo funzionamento (il grafico della stella). Esse verranno illustrate nella conferenza.
Inoltre chi vorrà (senza obbligo e senza giudizio) potrà già provare a cimentarsi con un esercizio psicosintetico, considerando che l’unico modo di conoscere la Psicosintesi è metterla in pratica su di sé.

L’ articolo “La psicologia delle idee-forza e la Psicagogia” (1909), viene da Assagioli stesso indicato, a distanza di molti anni, come punto di partenza della Psicosintesi. L’autore recupera il termine psicagogia usato da Platone, intendendo con esso un’ “educazione della psiche”, un processo di apprendimento che dura tutta la vita e abbraccia tutta la personalità.

Si possono enunciare alcuni punti del processo psicosintesico:
1)Disidentificazione (Le funzioni e i tipi umani, le sub-personalità)
2)Identificazione nell’individualità (sé personale)
3) Volontà personale (forte, buona e abile) e transpersonale
4) Modello ideale
5) Sintesi
6) Supercosciente
7) Sè transpersonale.

Jung, amico di Assagioli, scrisse in una lettera indirizzata a Freud: “ se esiste una Psicoanalisi deve esserci una Psicosintesi che costruisce un futuro, secondo le stesse leggi”.
Abbiamo quindi nella Psicosintesi una visione prospettica, che dà importanza all’intuizione e al potere creativo
dell’immaginazione (concetto di inconscio plastico).

Ingresso libero – prenotazione obbligatoria

RELATORE

Paola Murchio, psicologa psicoterapeuta psicosintetista

INFO&PRENOTAZIONI

paola.murchio@gmail.com
cell. 3248063843

Paola Murchio

Paola Murchio

psicologa psicoterapeuta psicosintetista

Dove

Associazione Meridiana
Via Casaregis 38/3
Genova - Foce

Cellulare

telefono - whatsapp
347 5828 209

Associazione Meridiana

Centro Olistico